Copertina Polimero.jpg

Questa è la storia di Paolo.

E' la storia dei suoi amori, delle sue lacerazioni, dell'asta attrazione devastante per una donna.

Una donna soltanto per lui, che pure è abituato a vederne molte attraverso l'obiettivo della macchina fotografica.

E' la storia delle sue fughe da luoghi che non riconosce più come familiari o più semplicemente da se stesso, alla continua e disperata ricerca di un nuovo io.

Ma questa è anche la storia di Nicole.

Una donna capace di provocare ferite, di annientare distruggere, con mani e dita perfette, la vita dell'uomo il cui destino si è incrociato col suo.

Oppure è la storia di Martina, Franziska, Monica, Giulia, donne diverse nei colori e nei pensieri, capaci tuttavia di formule comuni, di sofferenze e di gioie comuni ed anche di percorrere strade tutt'altro che comuni.

Ma soprattutto questa è la storia di un amore.

E a fare da cornice a questi mondi interiori e alle mille sfumaturedei sentimenti, ci sono i tanti letti sfatti, gli autobus su cui salire e da cui non voler più scendere, la melma stantia radicata negli anni, le province del cervello, le poltrone "gangliche", la macchina fotografica con cui fermare il tempo o il mondo tutto.

 

Riccardo Mari, con una rara capacità introspettiva, accompagna il lettore alla scoperta di mondi paralleli, fatti di amori profondi e laceranti, perfetti e devastanti, raccontando attraverso un doppio piano tra l'io narrante e una voce esterna un intreccio di immagini e parole al quale difficilmente si resterà indifferenti.Questo è un paragrafo. Fai clic qui per modificarlo e aggiungere il tuo testo.

Questo è un paragrafo. Fai clic qui per modificarlo e aggiungere il tuo testo.